DeepBlue - Trekka my Sail

Allarga i tuoi orizzonti
Vai ai contenuti

Menu principale:

DeepBlue







Progettista: Paolo Bisol


DEEP BLUE 48

DEEP BLUE è un veliero per grandi navigazioni, studiato per poter essere gestito da un equipaggio di due persone.  Le sistemazioni interne sono concepite per accogliere quattro persone per lunghi periodi.
Ha una postazione di guardia interna sopraelevata, con visibilità su 360°.
La sua slanciata carena a dislocamento leggero è in grado di garantire buone velocità con una superficie velica moderata, più facilmente gestibile per un equipaggio ridotto.  
La costruzione è in "strip-planking" di cedro rosso impregnato con resina epossidica.  Il dimensionamento di scafo e struttura soddisfa i requisiti dell'American Bureau of Shipping.
Il volume interno è suddiviso in 6 compartimenti stagni per la massima sicurezza in caso di collisione in alto mare.
I 700 litri di acqua dolce possono essere trasferiti da un lato all'altro in funzione di "water ballast" per limitare lo sbandamento.  I serbatoi vengono mantenuti al livello pieno da un desalinizzatore.
L'armo è a "cutter", la configurazione che offre la maggiore versatilità nelle diverse condizioni atmosferiche.
La trinchetta è autovirante per facilitare la manovra con vento fresco.

Nel 2007, Deep Blue 48 si è classificato terzo nel concorso di Yacht Design organizzato dalla rivista americana Cruising World e dal Westlawn Institute of Marine Technology.  La giuria includeva yacht designers del calibro di Rod Johnstone (creatore di tutte le J-boats, a partire dal mitico J-24) e Bruce King, (che ha disegnato molti super-yachts classici come Whitefin, Hetairos, Alejandra, Antonisa...)






CARATTERISTICHE

Lunghezza fuori tutto  14.35 m
Lunghezza al galleggiamento  13.50 m
Baglio  3.76 m
Pescaggio  1.78 m
Dislocamento  9200 Kg
Superficie velica: Randa  46.3 m2
Superficie velica: Yankee  36.1 m2
Superficie velica: Trinchetta  19.8 m2
Superficie velica: Gennaker  110 m2
Capacità acqua dolce
700 lt. normale crociera (max. 1400 lt.)
Capacità carburante  460 lt.
Capacità acque nere  120 lt.
Motore
67 HP Perkins – Sabre M65
Elica
22’ MAX-Prop a 3 pale abbattibili

ANCORAGGIO

Ancora principale: 30 Kg Bruce, catena 50 m (diametro 10), 50 m corda di nylon (diametro 16)
Ancora da tempesta: 30 Kg, 100 m corda di nylon (diametro 16)
Ancora Ammiragliato: 15 Kg, 50 m catena / fune

EQUIPAGGIAMENTO STANDARD

Frigo / freezer 300 lt. Totale
Cucinetta a 4 fuochi con forno SMEV 7000
Air Heater:  Eberspacher D5LC
Dissalatore a osmosi inversa
Generatore eolico Ampair 100
Timone a vento:  Scanmar Monitor
Lavatrice da 3Kg.:  Eumenia Euronova 600
Tender Quicksilver 330 Airdeck, Fuoribordo da  9 Hp



DESCRIZIONE GENERALE

Piano velico

Molte fonti concordano nel considerare l'armo a cutter la scelta ideale per un veliero d’altomare (bluewater). Il vantaggio principale è di avere vele frazionate e quindi piu’ piccole a prua. Un armo a cutter è conveniente in molti modi:
• In pratica: con vento forte il centro dell'area della randa terzarolata si avvicina all'albero, quindi ha senso che le vele di prua si regolino dopo per mantenere la barca equilibrata. Una trinchetta fornisce quindi una buona soluzione.
• Con vento teso va in onda il fiocco accoppiato -  yankeee e trinchetta sono più efficienti di una grande vela di prua singola.
• Lo strallo di prua interno, accoppiato con sartie, fornisce un importante sostegno longitudinale all'albero, che altrimenti sarebbe stato libero di flettere avanti / indietro tra la parte superiore e la base. Lo svantaggio principale del cutter è la complicanza aggiunta della vela di prua doppia, e l'esecuzione di volanti, in fase di manovra.
Mentre complicazione nelle manovre non è di grande preoccupazione durante i passaggi, lo fa in contrasto con le esigenze di gestione a breve, quando si avvicina ancoraggi o nei porti. Per ridurre al minimo i disagi, si è optato per una trinchetta autovirante: per le manovre in acque ristrette, la sola  trinchetta in combinazione con la randa fornisce ancora velocità accettabile nella maggior parte delle condizioni.
Grazie al sovradimensionamento  della sezione dell'albero, le sartie sono necessarie solo al di sopra di una determinata forza del vento, l'albero ha bisogno del sostegno supplementare per prevenire il "pompaggio" quando si  bolina contro un mare ripido, o  si fa vela con vento forte. In effetti, con  la randa terzarolata, si possono lasciare in tensione le volanti, perche’ non vanno ad interferire col passaggio del boma.
In termini di architettura generale della piattaforma, si è optato per un doppio diffusore accordo. Si è preferito allargare la base sudario fino a tutta l'ampiezza del ponte, in modo da minimizzare i carichi sull'albero e sartiame. Un altro vantaggio di questa soluzione è che le lande di essere a bordo del ponte, non sconfini la sistemazione.
La randa è completamente steccata e dotato di lazy jack per facilità di trattamento. Si roached nella misura massima consentita dal angolo paterazzo.

Disposizione interna

La cabina di prua ha una doppia cuccetta a "V". L'ancoraggio è rialzato e offre un sacco di spazio di archiviazione, sotto cui si può accedere sollevando parti della piattaforma e con un grande armadio nella parte anteriore. Inoltre, due armadi e cassetti si trovano dopo la cuccetta.
Tra cabina di prua e salone, sul lato sinistro, c’e’ la toilette. Lo scarico WC può essere fatto attraverso direttamente a scafo scafo al largo o deviate ad un serbatoio di 170 lt., posto sotto il divano del salone.
Di fronte a dritta c’ è un tavolo da lavoro per le riparazioni occasionali, e armadietti.
Il salone è composto da un divano a "C" a dritta e un divano lineare a sinistra. Il divano a sinistra  può essere utilizzato come cuccetta del navigatore, mentre l'equipaggio al completo può ancora sedere attorno al tavolo. Lo spazio sotto i divani laterali è occupato dai due serbatoi di lt. 700 di acqua dolce / acqua di zavorra. Armadietti sono previsti lungo le fiancate, e l'illuminazione è fornita da quattro oblò, oltre a due passi uomo. Dopo la dinette la caratteristica principale è la stazione di navigazione sollevata sulla parte superiore del contenitore del  motore, dotato di un sedile stile auto che fornisce una posizione comoda da cui ottenere informazioni dagli strumenti.  A tutto tondo la visibilità esterna è accessibile. L'area sulla dritta della stazione del nav viene utilizzata come superficie macchine chiuso per l'installazione di apparecchiature come pompe, riscaldamento acqua, riscaldamento, acqua-maker, ecc
Dopo di questa zona sono due armadi, un alloggiamento di una piccola lavatrice, il prossimo è l'armadio per le cerate nelle immediate vicinanze dell'ingresso.
Sulla sinistra, una cucina lineare 3 m è disposta lungo lo scafo.
La scala di discesa è inclinata a 30 ° rispetto alla verticale. Il tambuccio è destinato ad essere stagno: sia la porzione superiore e la porzione verticale sono ante a battente con tutto tondo sovrapposizione. La parte inferiore è estraibile per consentire un accesso più comodo quando le condizioni lo consentono.
La cabina di poppa ha un letto doppio di 1,5 m di larghezza. Armadietti sono allineati sul lato dello scafo. Una botola di evacuazione è prevista sotto il sedile del pozzetto.
Un gavone per la cala vele  e deposito generale di circa 3 m3 è a dritta e il picco dopo che si estende fino allo specchio di poppa.

Deck layout

La larghezza del pozzetto ha lo scopo di consentire ai membri dell'equipaggio di rinforzare i piedi contro il sedile di poppa con tacchi.
La disposizione dei verricelli attorno al pozzetto  riflette l'obiettivo di short-handed vela, ma ancora fornire per tutte le manovre necessarie per un taglio-attrezzato yacht.
Le drizze fiocco e spinnaker sono conservati presso l'albero, mentre le linee di barriera e drizze randa sono condotti in pozzetto.
Tre coppie di verricelli  sono stati disposti sulle mastre . A partire da poppa:
A - Lewmar 54 ST, Runners (se usato), (o) del fiocco, Spinnaker, (o) randa / Staysail
B - Lewmar 54 EST (elettrico), Randa (STBD), Staysail (porta), (o) del fiocco, spinnaker C - Lewmar 48 ST, drizza randa e Reef linee D - Lewmar 48 ST, al palo.
I due, dopo le coppie di verricelli sono infatti intercambiabili, e di breve handed i fogli possono essere portati a argani A (a breve distanza dal timone), e / o per gli argani motorizzati B.
Una piattaforma di poppa non è stato adottato per la traversa, principalmente per permettere l'installazione di un timone a vento. La scotta della randa è sul tetto della  pilothouse, nel punto estremo posteriore possibile compatibile con il pannello di discesa.




                                                                               


Aggiornato il: 19/05/2017
eXTReMe Tracker
Torna ai contenuti | Torna al menu